martedì, ottobre 23, 2012

Camponotus piceus


Rispetto alle altre Camponotus maggiori è una specie più piccola e agile. In natura, queste formiche si notano spesso correre su e giù per tra i fili d'erba. Sono pacifiche verso le altre formiche, e preferiscono ritirarsi invece di affrontare l'avversario. Queste formiche non sono grandi cacciatrici e preferiscono raccogliere gli insetti morti che trovano durante il foraggiamento.


Camponotus piceus
Regina: 16 Euro  - con covata 18 Euro
Colonia: a partire da 30 Euro (0-10 operaie)
Disponibilità: Regina
SCHEDA

mercoledì, ottobre 17, 2012

Myrmecina graminicola


La Myrmecina graminicola è una specie poco appariscente, quindi molto rara e introvabile di formica che vive prevalentemente sotto terra. La crescita delle colonie è estremamente lenta. Questa specie è molto tranquilla, e molto interessante da osservare. Le operaie sono molto lente, ma riescono comunque a catturare nel terreno piccole prede come gli acari.


Regina: 35 Euro con covata 45 Euro
Colonia: a partire da 55 Euro (0-10 operaie)
Disponibilità: Regina
SCHEDA

Che cosa è un insetto sociale?

Formiche, termiti, api e alcune vespe hanno una vera vita di "famiglia". Vivono in colonie, ed i membri di questa una comunità dipendono l'uno dall'altro.


Ci sono più di un milione di specie diverse, o tipi di insetti, in tutto il mondo. Insetti sono i scarafaggi, grilli, farfalle e mosche. Gli insetti hanno diverse forme, dimensioni e colori. Ma ci sono alcune cose che tutti gli insetti hanno in comune. Tutti hanno sei zampe e i loro corpi sono divisi in tre parti principali. Sono quasi tutti dotati di un rivestimento duro, e la chitina è uno dei principali elementi del loro esoscheletro. E la maggior parte, ma non tutti, hanno le ali.

Formiche, termiti, api e alcune vespe, possono sembrare un po come questi altri insetti. Ma, come insetti sociali, conducono vite molto diverse.

Perché le Formiche sono insetti sociali?

Le formiche sono insetti sociali perché vivono e lavorano insieme in una comunità, la colonia. Qui, si nutrono e proteggono l'una con l'altra. E curano i loro piccoli. Questo modo di vivere è molto diverso da quello degli insetti solitari che trascorrono la maggior parte della loro vita da soli.

Questa comunità è chiamata colonia. E la vita in una colonia è molto organizzata. Ogni membro ha un lavoro da fare, da accudire la covata alla raccolta del cibo o alla difesa del nido.

Per la maggior parte delle formiche, il centro della vita di una colonia è tutto all'interno del nido. Il formicaio come spiegato in precedenza può essere sotto terra, in un tumulo, o anche tra le cime degli alberi. Quando le formiche costruiscono un nido, la sporcizia che si accumula intorno all'ingresso certifica la presenza di una colonia. E le colonie possono essere molto affollate possono contare centinaia, migliaia, o addirittura milioni di formiche in una singola colonia.

Le Colonie

Le formiche sono insetti sociali, che vivono in grandi e numerose colonie. La colonia è di solito divisa in caste, di seguenti classi: regine (femmine riproduttive), maschi che dopo l'accoppiamento moriranno, soldati per la difesa del nido e delle operaie femmine (non riproduttive) la colonna portante della colonia. Anche se ci sono grandi variazioni nella struttura sociale tra le colonie di formiche, alcune caratteristiche di base sono comuni alla maggior parte delle specie. Queste caratteristiche sono illustrate nella foto seguente:

Caste sociali

Le formiche hanno una complessa organizzazione sociale e caste specializzate.
Alcune specie hanno una regina sola,dette monoginiche, altre colonie contano più regine quindi poliginiche. Le regine sono alimentate e curate dalle operaie, e garantiscono la vita duratura della colonia deponendo le uova per tutto il resto della loro vita. Senza di lei, una colonia morirebbe, perchè le regine sono le uniche in grado di riprodurre.
A seconda della specie, le regine vivono circa tra i 5 e i 30 anni, che li rende quindi tra gli insetti più longevi

 Mentre per i maschi la situazione è diversa e il loro unico scopo e quello di accoppiarsi con le future regine durante il periodo dei voli nuziali, le sciamature, quindi vivranno solo per una stagione, quella fatale degli amori.

Le operaie svolgono i compiti più importanti come ampliare, riparare e proteggere il nido, accudire la prole e la caccia e il foraggiamento del cibo. Ci può essere un solo tipo di operaia, o ci possono essere diversi tipi, con le strutture del corpo specializzate per i diversi tipi di incarichi all'interno del nido. L'attività delle operaie è coordinata soprattutto attraverso i feromoni e il contatto del corpo con gli altri individui.
Le operaie vivono circa tra 1 e 3 anni.

Le Abitudini

I Nidi

Le formiche di solito fanno i loro nidi nel o sul terreno. Il terreno scavato per fare il nido può essere accatastato intorno all'apertura, formando un monticello o cratere molto riconoscibile in natura. Il nido è solitamente composto da varie e lunghe gallerie che portano alle camere sotterranee. Le camere fungono da aree di stoccaggio per i cibi raccolti e come vivai per le nuove generazioni, uova, larve pupe o bozzoli.
Le camere in un formicaio hanno molti usi diversi. La regina ha di solito la sua camera per deporre le uova, altre camere sono come "asili nido" per i giovani in crescita e ulteriori stanze sono adibite come aree di riposo per le laboriose operaie.


Alcune formiche vivono nel legno degli alberi come le Crematogaster scutellaris o nei tronchi marci come le Camponotus vagus. Alcune operaie di specie arboricole costruiscono il nido intrecciando le foglie raccolte insieme con fili di seta che le larve secernono come le formiche tessitrici australiane. Alcune formiche hanno un territorio ben definito e costruiscono un formicaio, permanente,dove dimoreranno anche per 30 anni. Altre invece hanno una vita nomade spostandosi da una zona all'altra, e ripeteranno la costruzione di un nuovo nido ogni volta. Altre formiche condividono i loro nidi con specie diverse e talvolta con altri tipi di insetti, come i collemboli di terra e gli onischi
Oggi molte specie che si sono adattate all'ambiente cittadino non solo nidificano nel cemento o manto stradale ma fanno purtroppo i loro nidi nelle abitazioni umane, trovando un ottimo riparo e una fonte inesauribile di cibo, in particolare fondano le loro colonie nei rivestimenti in legno di porte, finestre o soffitti.

Alcune formiche tropicali costruiscono i nidi verso il basso per fare più spazio. I loro nidi possono raggiungere i 6 metri sotto terra. Altre come le nostre formiche europee, nelle foreste costruiscono i nidi verso l'alto. Costruiscono dei tumuli enormi che possono arrivare anche a 1,5 metri di altezza. Le operaie poi collegano i tumuli con tracce olfattive di feromoni, alcune creando nidi satellite arrivano a coprire una superficie grande come un campo da tennis e milioni di formiche possono vivere in questi nidi.

Il Cibo

Le formiche mangiano di tutto dalla frutta matura alla semenza, e tutti i piccoli insetti che riescono a catturare.  
Alcune specie cacciano e mangiano insetti vivi come le più grandi Formica e Camponotus, altre non disdegnano di nutrirsi solo di carcasse di altri insetti e animali morti, praticando un utilissimo lavoro di spazzini della natura come le Pheidole. Altre coltivano e mangiano funghi come le Atta. Le più conosciute le Messor ,le classiche formiche nere con i "capoccioni", che sono granivore raccolgono i semi e i cereali. Altre specie di formiche come le Tapinoma allevano "mandrie" di afidi per ottenere il liquido zuccherino, detto melata, che espellono.

Descrizione

Corpo

Questi insetti variano da specie a specie in lunghezza da circa 1,6 mm a circa 5 cm. La maggior parte sono di colore rosso, nero, marrone o giallo. Le formiche, come altri insetti, hanno sei zampe e i loro corpi sono divisi in tre segmenti ben distinti: testa, torace e addome. A differenza di altri insetti, le formiche hanno una specie di "gomito" nelle antenne e di un peduncolo presente tra il torace e l'addome. Possiedono un organo situato nell'addome utilizzato per conservare i cibi che possono essere successivamente rigurgitati per alimentare gli altri membri della colonia.


La maggior parte delle formiche ad occhio nudo presentano un corpo liscio e lucido, anche se alcune hanno piccole proiezioni spinose; hanno mascelle forti chiamati mandibole, che sono adatte per uccidere, schiacciare, masticare, tagliare o strappare a seconda del nutrimento delle varie specie. Altre formiche hanno  specifiche ghiandole che producono l'acido formico, un acido molto forte che in alcuni casi può essere spruzzato sui nemici causando una bruciatura, oppure iniettato attraverso un aculeo: molte hanno aculei che contengono veleno come le formiche rosse raccoglitrici Pogonomyrmex barbatu o le formiche di  fuoco Solenopsis invicta, che possono infliggere punture dolorose, in alcuni casi, mortali per gli esseri umani e altri animali.

I Sensi

Il senso più sviluppato di una formica è quello di "captare" gli odori. Le formiche hanno ghiandole addominali che secernono una varietà tale di feromoni, sostanze chimiche, che provocano reazioni specifiche ad altri individui. I feromoni agiscono come allarmi, come segnali attrattivi per l'accoppiamento durante lo sciamatura nuziale oppure come segnavia per la raccolta del cibo, e aiutano ogni singolo individuo a riconoscersi l'uno con l'altro. Hanno anche un ben sviluppato senso del gusto che gli permette di distinguere i sapori acidi, dolci, amari e salati. Anche il loro senso del tatto è molto sofisticato grazie ai recettori che si trovano sul tarso, sullo sperone tibiale e sull'artiglio tarsale,in parole povere sulle zampe. Le antenne sono utilizzate per tutti questi sensi: odorare, gustare e toccare.

Alcune specie possiedono occhi composti e un ben sviluppato fuoco di visione, mentre altre hanno occhi semplici che possono solo distinguere tra luce e buio,il giorno e la notte. Alcune invece sono completamente cieche,e si affidano agl'altri sensi altamente in grado di sopperire a questa mancanza evolutiva.

La Formica, un piccolo insetto.

Le formiche sono note per le società complesse, le colonie, che costituiscono. E sono spesso citate come il simbolo di parsimonia e industrialità, in quanto molte specie sembrano instancabili lavoratrici nella loro attività quotidiana di raccolta di grandi quantità di cibo da immagazzinare nei loro nidi, i formicai. Lo studio delle formiche ha appassionato naturalisti, ricercatori e scienziati fin dai tempi antichi. Gli studiosi o i semplici interessati a questo straordinario insetto spesso tengono e allevano colonie di formiche in cattività per osservare le loro attività e/o studiare la loro complesa vita sociale. Si sa che le formiche si trovano in quasi tutte le parti del mondo, ad eccezione delle regioni polari.


Le formiche che vivono sottoterra, nei formicai, creano numerosi tunnel che permettono all'aria di circolare attraverso il suolo, rendendo il terreno più produttivo a vantaggio dell'agricoltura, cosa che molti ignorano. Alcuni tipi di formiche predano e uccidono altri insetti che si nutrono di alcune colture, quindi hanno un utilità ben precisa. Molte specie di formiche sono si infestanti, ma invadono le case e i magazzini in cerca solamente di cibo, e purtroppo oggi molti insetticidi chimici sono usati per ucciderle.

Esistono circa 10.000 specie conosciute di formiche nel mondo. Quindi non deve sorprendere che le formiche, come milioni di altri insetti sociali, vivono ovunque sulla terra, eccezion fatta come scritto in precedenza nelle regioni polari. Infatti le zone con climi caldi e umidi presentano il maggior numero di tipi di formiche e ovviamente altri insetti.

Le foreste pluviali tropicali sono molto ricche di vita, e gli insetti quindi proliferano trovando un clima adatto per loro. Gli scienziati affermano che se tutti gli animali della foresta pluviale amazzonica sarebbero pesati, le formiche e le termiti costituirebbero un terzo di quel peso totale.

Le formiche non si sono mai estinte, anzi nei secoli si sono evolute sempre di più e si sono adattate con successo al cambiamento del clima sulla terra, avendo diversi modi di vita che permettono loro di vivere in numerosi e diversi habitat: ovviamente la loro piccola dimensione rende molto più facile trovare il cibo e un riparo dove fondare le proprie colonie nei formicai.

ARTICOLI PIU' LETTI DELLA SETTIMANA

ABBONATI ALLE NEWS