mercoledì, ottobre 17, 2012

Descrizione

Corpo

Questi insetti variano da specie a specie in lunghezza da circa 1,6 mm a circa 5 cm. La maggior parte sono di colore rosso, nero, marrone o giallo. Le formiche, come altri insetti, hanno sei zampe e i loro corpi sono divisi in tre segmenti ben distinti: testa, torace e addome. A differenza di altri insetti, le formiche hanno una specie di "gomito" nelle antenne e di un peduncolo presente tra il torace e l'addome. Possiedono un organo situato nell'addome utilizzato per conservare i cibi che possono essere successivamente rigurgitati per alimentare gli altri membri della colonia.


La maggior parte delle formiche ad occhio nudo presentano un corpo liscio e lucido, anche se alcune hanno piccole proiezioni spinose; hanno mascelle forti chiamati mandibole, che sono adatte per uccidere, schiacciare, masticare, tagliare o strappare a seconda del nutrimento delle varie specie. Altre formiche hanno  specifiche ghiandole che producono l'acido formico, un acido molto forte che in alcuni casi può essere spruzzato sui nemici causando una bruciatura, oppure iniettato attraverso un aculeo: molte hanno aculei che contengono veleno come le formiche rosse raccoglitrici Pogonomyrmex barbatu o le formiche di  fuoco Solenopsis invicta, che possono infliggere punture dolorose, in alcuni casi, mortali per gli esseri umani e altri animali.

I Sensi

Il senso più sviluppato di una formica è quello di "captare" gli odori. Le formiche hanno ghiandole addominali che secernono una varietà tale di feromoni, sostanze chimiche, che provocano reazioni specifiche ad altri individui. I feromoni agiscono come allarmi, come segnali attrattivi per l'accoppiamento durante lo sciamatura nuziale oppure come segnavia per la raccolta del cibo, e aiutano ogni singolo individuo a riconoscersi l'uno con l'altro. Hanno anche un ben sviluppato senso del gusto che gli permette di distinguere i sapori acidi, dolci, amari e salati. Anche il loro senso del tatto è molto sofisticato grazie ai recettori che si trovano sul tarso, sullo sperone tibiale e sull'artiglio tarsale,in parole povere sulle zampe. Le antenne sono utilizzate per tutti questi sensi: odorare, gustare e toccare.

Alcune specie possiedono occhi composti e un ben sviluppato fuoco di visione, mentre altre hanno occhi semplici che possono solo distinguere tra luce e buio,il giorno e la notte. Alcune invece sono completamente cieche,e si affidano agl'altri sensi altamente in grado di sopperire a questa mancanza evolutiva.

ARTICOLI PIU' LETTI DELLA SETTIMANA

ABBONATI ALLE NEWS