sabato, luglio 22, 2017


Come allevare le formiche a casa?



Prendersi cura di una colonia e del suo formicaio.

Ovviamente come noi esseri umani, la formica ha bisogno di cibo per vivere.

Per i carboidrati testata da noi c'è una sostanza nutrizionale veramente efficace per la vostra colonia di formiche ed è un mix appositamente preparato di miele. Questa ricetta ha bisogno dei seguenti ingredienti: mezza tazza di miele, mezza tazza di acqua e ¼ di pastiglia vitaminico-minerale (es. Multicentrum) schiacciata. Mescolate tutti gli ingredienti insieme, poi conservare il composto in frigo in modo che non fermenti. Per nutrire le formiche, possiamo utilizzare un contagocce.E' molto importante che non li sovralimentiamo. Se non siete sicuri della quantità di cibo da somministrargli, cerchiamo di osservare un piccolo gruppo di formiche per capire la quantità che consumano, e comunque aumentare la porzione in base alle dimensioni della colonia.

Per le proteine i piccoli insetti, sono un ottima fonte.Zanzare o mosche sono ottime ma consigliamo i grilli e le camole della farina di cui abbiamo discusso nella sezione alimentazione.

I grilli vanno somministrati morti, meglio se tagliati in piccoli pezzi, possono anche esser conservati nel congelatore del frigo. La maggior parte delle proteine del grillo può essere trovato nella testa e nel torace. Un grillo in media può alimentare larve e operaie anche per due giorni.

L'acqua è un altro elemento molto importante per l'allevamento delle formiche. Le formiche possono effettivamente sopravvivere per giorni senza cibo, ma non senza acqua. Ricordate sempre di tenere i vostri formicai umidi in modo che le formiche non si disidratano. Per alcuni formicai, tenere dei tubi pieni di acqua collegati al nido tamponati con del cotone è un metodo molto efficace per far si che le formiche possano bere direttamente dal cotone.

Misure precauzionali 


Nel prendersi cura delle formiche, è importante ricordare che per quanto riguarda il formicaio, bisogna assicurarsi che non sia posizionato in zone molto calde, perchè le formiche disidratano molto facilmente.Un altra cosa da sapere e che le formiche muoiono anche quando il loro nido rimane per troppo tempo colpito direttamente dal sole. Si dovrebbe anche evitare di tenere il nido costantemente in movimento o disturbare eccessivamente la colonia. Spostare il formicaio solo quando è necessario, e cercare di non agitare troppo durante il trasporto.

I livelli di umidità della vostra colonia deve essere regolata a seconda del tipo di formiche che si possiedono. Una guida approssimativa per quanto riguarda i livelli di umidità che si dovrebbero mantenere ci dice che per le specie tropicali, si dovrebbe mantenere circa il 65% a 85% di umidità, ma queste specie possono tollerare anche tra un 55% e un 70% di umidità.Per le specie nostrane abbiamo riscontri tra il 40% e il 60%. Per aumentare l'umidità, utilizzare un camera per l'acqua nel formicaio è una cosa molto sensata,si può anche mantenere l'habitat umido,nebulizzando il nido, almeno una volta alla settimana. Si può anche aumentare la fonte di acqua o usare una sorta di sistema di osmosi. 

Se si vuole diminuire l'umidità, invece, si può fare uso di lampade spot o di altri oggetti che emettono calore,quelle utilizzate per rettili vanno benissimo basta regolarle in modo di non riscaldare la colonia troppo eccessivamente.

La ventilazione è un altro fattore molto importante che serve per evitare formazione di condensa all'interno del formicaio e l'insorgere di muffe e batteri.

Anche la pulizia è importante se si desidera mantenere il formicaio in buone condizioni. È necessario rimuovere periodicamente i resti di cibo accumulato e di altri rifiuti che le operaie portano fuori dal nido in modo da avere un ambiente sano.


ARTICOLI PIU' LETTI DELLA SETTIMANA

ABBONATI ALLE NEWS