giovedì, agosto 02, 2012



Almeno 13 specie diverse di formiche sarebbero in movimento sotto le fondamenta di New York, attualmente occupando la zona di Manhattan. Ogni specie di formica si è adattata bene all'ambiente newyorkese, sfruttando le sue caratteristiche peculiari per supplire alla lontananza dall'habitat naturale.
E il conteggio delle specie potrebbe essere addirittura superiore: si stima che nella sola New York possano coesistere attualmente circa 30 specie di formiche, ma la presenza di 17 di queste deve ancora essere confermata.

Alcune formiche, come le "formiche ladre", si sono adattate alla "Grande Mela" rubando cibo ad altri animali o all'essere umano; altre specie invece sono molto territoriali e aggressive, o fanno nidi sotto al cemento stradale, sfruttando ogni occasione per trovare nutrimento utile alla sopravvivenza della colonia.

Le 13 specie di formiche non sono tutte locali: ci sono alcune specie che si trovano fuori dal Nord America, e che condividerebbero pacificamente lo spazio cittadino con alcune loro parenti nord-americane. Le specie straniere sarebbero giunge a New York attraverso passaggi occasionali da parte di navi o piante alla deriva.

Nonostante ci sia una convivenza tra specie provenienti da diverse parti del mondo, pare che le formiche straniere non siano per nulla invasive, e non rappresentino un pericolo per le formiche locali. Sembrano, anzi, occupare nicchie diverse da quelle delle formiche native. "Avendo un tempo sufficientemente lungo, secoli o millenni, tendono a completare la ricchezza delle formiche native".

In realtà, queste formiche sono specie che non potranno mai incrociarsi tra loro, ma si limiteranno ad occupare nicchie differenti. Mostrano però che il mondo delle formiche è ancora poco conosciuto, soprattutto quando questi animali si trovano in ambienti insoliti per loro, come le metropoli.
Alcune formiche si sono abituate a vivere nei sotterranei di New York, altre si nutrono del cibo che trovano all'interno delle case, altre ancora preferiscono le aree verdi della città, "allevando" afidi per ottenere cibo.

Adattarsi a un nuovo habitat richiede dei cambiamenti ad aspetti comuni a molte specie di formiche. Un caso è quello delle Tapinoma sessile, formiche domestiche che si nutrono di tutto ciò che trovano di commestibile nelle case dei neworkesi. Sono state viste formare vaste colonie (da 100 a 10.000 individui) composte da regine multiple (fino a 200), e sono molto "tolleranti" nei confronti delle altre specie, arrivando a formare colonie miste.

C'è poi la "formica ladra" (Solenopsis molesta), che generalmente compie raid in colonie di altre specie di formiche per rubare cibo e uova. A New York, la formica ladra si è adattata a nutrirsi del suo alimento preferito, il grasso, rubando cibo all'essere umano: formaggio, alimenti grassi, carne, semi, Coca Cola.

New York non è solo un melting pot di esseri umani provenienti da ogni parte del mondo. La città custodisce, tra i muri delle case, nei parchi, nei giardini e sotto il manto stradale, un universo di formiche provenienti da ogni parte del mondo, universo che non conosce fatica e si è adattato alle abitudini dell'essere umano per assicurare la propria sopravvivenza.

ARTICOLI PIU' LETTI DELLA SETTIMANA

ABBONATI ALLE NEWS