venerdì, agosto 31, 2012

Una articolo del genere sul nostro sito può destare sospetti,insolito parlarne dove si allevano e vendono formiche,ma oggi vogliamo affrontarlo e ricordiamo che le formiche hanno un ruolo importantissimo,da molti sottovalutato, nel ecologia della natura.

Certo ritrovarsi la cucina di casa invasa di formiche per il 99% delle persone non è cosa molto gradevole,ma noi come ovvio che sia siamo quelli del restante 1% e abbiamo semplici precauzioni da consigliare:

Fate in modo di eliminare tutto ciò che può attirare le formiche come richiudere sempre il barattolo dello zucchero e riporre quello del miele in un sacchetto ben sigillato,raccogliete sempre le briciole dal pavimento e non lasciate troppo a lungo nel lavello i piatti da lavare.Semplice.

Certo se poi avete situazioni come quella dell'immagine di sotto,chiamare una ditta di disinfestazione è ovviamente lecito e permesso da parte nostra.



Ma analizziamo l'importanza delle formiche nell'agricoltura.


Nell'agricoltura ci sono varie specie molto utili come le Crematogaster scutellaris che sono utilissime agli alberi di ulivo,una ricerca dimostra che gli alberi di ulivo che ospitano questa simpatica specie hanno dei vantaggi: liberarsi dagli insetti infestanti come i xilofagi.

Gli ulivi,specialmente se secolari,tendono negli anni a formare cavità poichè il legno più vecchio,che viene sostituito da quello nuovo,muore e in seguito viene scavato dall'acqua e dagli xilofagi trasformandosi in segatura; è un processo del tutto normale per queste piante. Le Crematogaster vanno ad occupare proprio queste gallerie con legno marcescente e sbriciolato,predano i xilofagi,e la segatura che estraggono non è prodotta da loro ma semplicemente estratta per fare spazio al loro nido.

Un albero di uliveto che ospita una colonia di Crematogaster scutellaris non peggiora o produce un olio peggiore,anzi sta molto meglio libero dai insetti infestanti che lo insidiano.

Possiamo affermare che la maggiorparte delle formiche caccia e preda tutti gli insetti infestanti (esclusi gli afidi di cui ne parliamo qua) che occupano le nostre piantagioni.

Una scoperta degli ultimi tempi ci dice che le formiche fanno bene all'ecosistema delle nostre colture ed occupano un ruolo di tutto rispetto soprattutto nei terreni aridi a sottolinearla è un gruppo di studiosi del Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) e dell'Università di Sidney in un articolo pubblicato su Nature Communication, in cui spiegano che la presenza di formiche è in grado, nelle colture di frumento, di aumentare la resa fino al 36%.


"Crediamo che ci siano due ragioni principali per l'aumento della resa - spiega Theo Evans, ricercatore del CSIRO -. In primo luogo le gallerie scavate da formiche lasciano penetrare nel terreno più acqua e più in profondità quando piove. In secondo luogo, gli insetti migliorano i livelli di azoto nel suolo". Evans spiega che la prossima grande sfida sarà individuare i terreni che dalla presenza di questi insetti possono ottenere i maggiori vantaggi.

ARTICOLI PIU' LETTI DELLA SETTIMANA

ABBONATI ALLE NEWS